Doppio concerto al Tuscia in Jazz con Fabian Almazan e Musicvox trio. Giovedì 27 luglio ore 21.45 Castiglione in Teverina.

Giovedì 27 luglio il Tuscia in Jazz doppia i concerti. Il pianista cubano Fabian Almazan in piano solo e Musicvox trio con Elisabetta Antonini, vincitrice del Top Jazz al Muvis Museo del Vino di Castiglione in Teverina.

Una giornata di grande musica quella in programma giovedì 27 luglio al Tuscia in Jazz Festival. Sul palco del Muvis Museo del Vino di Castiglione in Teverina i concerti saranno due. Il pianista cubano Fabian Almazan con il suo piano solo e Elisabetta Antonini con il suo Musicvox Trio, in programma il 24 luglio e rinviato al 27 luglio per pioggia, si alterneranno sul palco del festival in una serata stellare. S’inizierà alle 21.45 con il concerto di Fabian Almazan e si proseguirà con Musicvox trio alle 22.45 l’ingresso ad entrambe i concerti è di euro10. Fabian Almazan ha iniziato a studiare pianoforte classico in età precoce nella sua patria, L’Avana. Dopo essere fuggito da Cuba nell’esilio politico a Miami, i suoi genitori non potevano permettersi lezioni private di pianoforte. Il pianista Conchita Betancourt ha insegnato cosi gratuitamente per oltre tre anni ad Almazan, permettendogli l’audizione per la New World School of Arts di Miami , Florida , dove ha studiato dal 1998 al 2002. Nel 2002, Almazan è selezionato nel National Grammy High School Jazz Combo e in seguito vince la borsa di studio alla Brubeck Institute, dove studia con Mark Levine e si esibisce con Dave Brubeck e Christian McBride . Nel 2003, Almazan si trasferisce a New York, dove studia con Kenny Barron presso la Manhattan School of Music. Nel 2009 Almazan ha conseguito la laurea magistrale presso la Manhattan School of Music, come destinatario della Borsa di studio di Michael W. Greene, studiando privatamente con Jason Moran. Almazan ha ricevuto il Premio Brandon Fradd 2010/11 nella composizione musicale della Cintas Foundation. Nel 2011 è stato selezionato come uno dei sei compositori per partecipare al Sundance Institute Composers ‘Lab, dove ha studiato con compositori acclamati come George S. Clinton , Peter Golub, Harry Gregson-Williams , Ed Shearmur , Alan Silvestri e Christopher Young. Dal 2007, Almazan suona con il quintetto di Terence Blanchard. Almazan si è esibito a fianco di famosi artisti come Gretchen Parlato, Paquito D’Rivera, Christian Scott, Chris Dingman , David Sanchez, Stefon Harris , Kendrick Scott e Ambrose Akinmusire. L’ultimo album di Almazan, Rhizome, pubblicato nella primavera del 2014 è stato il primo progetto che verrà pubblicato sull’etichetta congiunta Blue Note / ArtistShare . Alle 22.45 Elisabetta Antonini presenterà ufficialmente il suo nuovo progetto musicale MUSICVOX ideato e condiviso con Alessandro Contini, voci e live electronics, feat. Alessandro Gwis, pianoforte e live electronics. Due voci e un pianoforte, arricchiti di sonorità elettroniche, si declinano in tutte le combinazioni possibili, percorrono strade creative, si confrontano e si fondono in riletture e personalizzazioni del jazz storico e contemporaneo, dalle ambientazioni urbane di Dave Douglas alle sofisticate architetture sonore di Egberto Gismonti, presentando un programma che è una sorta di scatola sonora, MusicVox, assolutamente unica ed originale. Elisabetta Antonini, vincitrice del prestigioso premio Top Jazz come Miglior Nuovo Talento secondo la rivista Musica Jazz, si distingue per un’intensa attività concertistica che l’ha portata a collaborare con nomi come Kenny Wheeler, Paul McCandless, Paolo Fresu, Enrico Pieranunzi. Da sempre riserva un’attenzione alla composizione e all’arrangiamento, scrive la musica che canta, e orienta la propria creatività verso progetti musicali originali e raffinati. Alessandro Contini, virtuoso solista dalla forte componente ritmica e da una spontanea propensione all’improvvisazione, da sempre frequenta oltre al jazz, diversificati universi musicali che lo portano ad impiegare la propria voce nella musica contemporanea, in quella antica, nella musica d’autore e in quella da film, vantando collaborazioni del calibro di Ennio Morricone, Luca Francesconi, Sylvano Bussotti e non ultimo Antonio Albanese. Alessandro Gwis, di formazione classica si avvicina al jazz e alla musica improvvisata fin da giovanissimo ed esplora l’uso dei sintetizzatori e delle tastiere elettroniche di cui è un performer creativo ed originale. Autore e compositore di musica per il cinema, la televisione e la danza, è parte dal ’94 dello storico gruppo Aires Tango, e ha collaborato con le figure di maggior spicco del jazz italiano ed internazionale, tra cui Cuong Vu, Paul McCandless, Ben Sidran, Stefano di Battista, Kurt Rosenwinkel, Horacio Hernandez, e della musica leggera (Dalla, Morandi, Patty Pravo), esibendosi in tutto il mondo. Il Tuscia in Jazz continuerà fino al 29 luglio tra i protagonisti di questa settimana musicale grandi nomi del panorama internazionale come Linda Oh, bassista di Pat Metheny, il sassofonista Ben Wendel, il chitarrista Mattew Stevens e il batterista Rudy Roystone che suoneranno il 28 luglio. Gran finale il 29 luglio con la Night in Jazz & Blues, la notte bianca del jazz e del blues, con oltre 100 musicisti coinvolti in concerti jazz e blues al Muvis e la novità con lo spettacolo Passeggiata Racconto di Antonello Ricci sulla musica e sul vino. Tra i protagonisti di questa serata la finalista di The Voice Sarah Jane Olog, il chitarrista Blues Luca Casagrande, il Dimastè Acoustic Trio, Aldo Bassi, Elisabetta Antonini con il suo coro di studenti e il debutto ufficiale della Muvis Jazz Orchestra diretta da Roberto Spadoni. Oltre a loro in programma una grande jam session fino all’alba. Gli spettatori quella sera potranno cenare o bere all’Enoteca Muvis Museo del Vino, prenotando al 335 6079041, e visitare i cinque piani del Museo del Vino, fino all’incredibile “Cattedrale”, cuore della cantina del Museo. I biglietti dei concerti, tutti a 10 euro, possono essere acquistati sul posto o online su www.ciaotickest.com . Per info visita www.tusciainjazz.it o Facebook/tusciainjazz.

Programma concerti

27 luglio ore 21.45 Fabio Almazan Piano Solo a seguire Musicvox trio (ingresso euro 10)

28 luglio ore 21.45 Linda Oh Quartet (ingresso euro 10)

29 luglio ore 19.00 Night Jazz & Blues – Notte bianca (ingresso euro 10) con: Aldo Bassi, Sarah Jane Olog, Elisabetta Antonini, Luca Casagrande, Roberto Spadoni, Muvis Jazz Orchestra, Diamstè Acoustic Trio, Antonello Ricci, Pietro Benedetti e gli allievi del Tuscia in Jazz Summer Camp 2017

L’Elmhurst College Jazz Band una delle migliori orchestre giovanili degli Stati Uniti e che vanta collaborazioni con musicisti come gli Yellowjackets ospite del Tuscia in Jazz Big Band Festival

L’Elmhurst College Jazz Band una delle migliori orchestre giovanili degli Stati Uniti e che vanta collaborazioni con musicisti come gli Yellowjackets si esibirà martedì 12 luglio ore 22.00 al Muvis Museo del Vino nell’ambito del Tuscia in Jazz – Big Band Festival 2016. Sotto la direzione di Doug Beach, l’Elmhurst College Jazz Band ha ottenuto consensi in tutto il mondo. Nel giugno del 2014, il Downbeat Magazine Student Music Awards nominato il College Elmhurst Jazz Band vincitore nella categoria College grandi ensemble jazz. La band ha suonato in Grecia, Romania, Inghilterra, Croazia, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Svizzera, Austria, Italia, Indonesia, Malta, Portogallo, Spagna, Serbia, Canada e le Bahamas. Per due volte in tour in Europa, su invito del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Si è esibita al Montreux Jazz Festival, il North Sea Jazz Festival, l’Umbria Jazz Festival e altri. Recentemente, la band ha suonato in vari ed importanti festival negli Stati Uniti, e ricevuto giudizi eccellenti dai grandi del jazz come: Clark Terry, Lee Konitz, Rob McConnell, Nicholas Payton, Randy Brecker e Bob Brookmeyer. Nel 2001, la band ha accompagnato Dee Dee Bridgewater al Jazz Festival di Chicago a Grant Park. La band si esibisce regolarmente con alcuni dei migliori musicisti jazz al mondo come Bobby Shew, gli Yellowjackets, Patti Austin, John Pizzarelli, Nnenna Freelon, Denis DiBlasio, Michael Davis, Tom Scott, Bill Watrous, Patrick Williams e Doc Severinson. La band ospita anche l’annuale Elmhurst College di Jazz Festival, un grande evento che richiama i migliori gruppi jazz provenienti da tutti gli Stati Uniti. L’ingresso alla serata sarà di un solo euro, il prezzo di un caffè per ascoltare una delle migliori orchestre jazz giovanili al mondo. Quello dell’Elmhurst College Jazz Band sarà il penutlimo dei concerti del Tuscia in Jazz a Castiglione in Teverina. Il 13 luglio a chiudere il Big Band Festival saranno i padroni di casa della Banda Cittadina come da tradizione. Dopo il 13 luglio il festival si prenderà una settimana di pausa per poi ripartire dal 21 al 31 luglio a Bagnoregio e Civita di Bagnoregio con i suoi concerti, i seminari e la magica notte in jazz a Civita di Bagnoregio. Ogni sera, durante il Big Band Festival sarà possibile cenare e degustare vini prima del concerto alla bellissima Enoteca del Muvis a partire da 5 euro. Per tutte le informazioni basta visitare il sito www.tusciainjazz.it o la pagina Facebook/Tusciainjazz. Per info e prenotazioni cene contattare 339 7064679 o 335 420612 .

Adam Ben Ezra apre il 7 Luglio il Tuscia in Jazz 2016 a Castiglione in Teverina.

Prevendita a questo LINK

Il 7 luglio 2016 alle ore 21.45 al Muvis Museo del Vino di Castiglione in Teverina a dare il via alla 15 edizione del Tuscia in Jazz Festival sarà uno dei musicisti più istrionici del panorama internazionale.  Con il suo concerto in contrabbasso solo ed effetti Adam Ben Ezra aprirà anche ufficialmente la seconda edizione del Big Band Festival, unico festival in Europa dedicato alle orchestre, che da 2015 il Tuscia in Jazz organizza a Castiglione in Teverina presso la straordinaria location del Muvis insieme all’amministrazione, la proloco e la banda cittadina. Dopo il concerto di Adam Ben Ezra si esibiranno sul palco del Muvis fino al 13 luglio 6 orchestre di cui 2 provenienti dagli Stati Uniti. Dal 21 luglio il Tuscia in Jazz si trasferirà a Bagnoregio fino al 31 luglio con tanti concerti, seminari e jam session. Tornando ad Adam Ben Ezra, il cui costo del concerto sarà di 10 euro mentre per tutti gli altri sarà 1 euro, ci sono musicisti normali e poi ci sono i fenomeni del contrabbasso come AdaM Ben Ezra; un uomo apparentemente in missione per portare il suo strumento dallo status tradizionale di accompagnamento alla presenza dominante che merita. Lungo la strada Adam sta spingendo il suo talento in nuove direzioni emozionanti ,ritagliandosi un luogo unico per se stesso nel panorama musicale internazionale di oggi. Il termine “multi-strumentalista” è spesso abusato, ma in questo caso non potrebbe essere più adatto; Adam ha iniziato a suonare il violino all’età di cinque anni e la chitarra all’età di nove anni. Negli ultimi anni ha aggiunto il clarinetto, l’oud e il cajon al suo arsenale.Tuttavia, è stata l’ introduzione al contrabbasso all’età di 16 anni che veramente ha cambiato la sua vita, quando da subito si innamorò del ricco suono dello strumento. Traendo ispirazione da eroi diversi come Bach, Sting e Chick Corea, Adam ha preso la chiara decisione di rendere contemporanee le sue composizioni – non importa lo strumento utilizzato. Ha consapevolmente aggiunto nuovi colori alla sua tavolozza, incorporando elementi di jazz, musica latina e mediterranea nel suo modo di suonare. Sia che suoni materiale originale o arrangiamenti di composizioni note, Adam Ben Eztra è una forza creativa della natura, che può trasformare una stanza piena di estranei in fans permanenti in un attimo. Indipendentemente se suona da solo o alla testa del suo trioc con chitarra e percussioni, non ci sono due spettacoli uguali. Usando una combinazione intelligente di effetti e pedali, Adam Ben Ezra coi suoi loop regala suoni, degni di una piccola orchestra. Ha iniziato a lavorare al suo nuovo album previsto alla fine di quest’anno, e intanto si è unito anche al nuovo progetto discografico della sua amica Noa,accompagnandola in giro per il mondo.